Lunedì 3 agosto 2020

Crisi idrica ed idropotabile. Razionalizzazione del consumo di acqua potabile e divieto di uso improprio.

Versione stampabileInvia per emailVersione PDF
Martedì 07 Luglio 2020

In vigore da venerdì 10 luglio fino a mercoledì 30 settembre la nuova ordinanza firmata dal sindaco Piero Lunardi che fa divieto, per il periodo estivo, di tutti gli usi non essenziali dell'acqua proveniente dal pubblico acquedotto, accompagnata da un'adeguata attività di vigilanza e controllo. L'ordinanza, preso atto della necessità di tutelare le riserve idropotabili a disposizione per l'approvvigionamento durante il periodo estivo particolarmente critico a causa dell'aumento delle temperature, della scarsità delle precipitazioni, dell'aumento dei consumi per attività turistiche, irrigue e similari e considerata la richiesta dell'Autorità Idrica Toscana, dispone l'assoluto divieto su tutto il territorio comunale di usare l’acqua potabile fornita dal pubblico acquedotto per scopi diversi da quelli igienico-domestici
In particolare, è proibito fare uso dell’acqua potabile per il riempimento di piscine, lavaggio domestico di veicoli o innaffiamento di parchi, giardini e orti. Sono esclusi dal presente provvedimento parchi e giardini pubblici, per i quali l’ufficio tecnico è obbligato a limitare al minimo l’utilizzo di acqua potabile, riducendo le annaffiature all’indispensabile e privilegiando per tale scopo l’approvvigionamento idrico proveniente da fonti alternative.
Il sindaco invita la cittadinanza a limitare il consumo di acqua potabile al minimo indispensabile ed a non lasciare aperte, al termine dell’uso, le fontanelle pubbliche al fine di evitare inutili sprechi e informa che in caso di mancato rispetto delle disposizioni della presente ordinanza si procederà con l'applicazione delle sanzioni amministrative ai sensi di legge e che il comando di Polizia Municipale, è incaricato della vigilanza e del controllo per l’esatta osservanza del presente provvedimento.